X
Menu
X

Il Giappone in mostra a Lugano

Dal 23 ottobre è partita  a Lugano una serie di iniziative che, fino all’inizio della primavera del 2011, terrà impegnate una serie di istituzioni museali della cittadina svizzera. Intitolata “Nippon. Tra mito e realtà: arte e cultura  dal Paese del Sol Levante“, la rassegna si compone di ben quattro mostre che, in contemporanea, consentiranno al pubblico di comprendere alcuni aspetti della variegata cultura nipponica.

Una delle mostre, intitolata “Shunga. Arte ed eros nel Giappone del periodo Edo” e dedicata alle pitture e alle stampe di soggetto erotico realizzate in Giappone tra il XVII e il XIX secolo, è evidentemente la riproposizione della omonima esposizione che si è tenuta a Milano qualche mese fa, alla quale dedicai io stesso una riflessione in un articolo precedente, al quale rimando per chi fosse curioso di sapere di cosa si tratti.

Una shunga esposta alla mostra di Lugano

Uno degli altri quattro eventi,  ubicato nella Villa Ciani e sempre a cura del Museo delle Culture di Lugano con la partecipazione, tra gli altri, di Marco Fagioli, intende approfondire lo sviluppo della fotografia giapponese tra il 1860 e il 1910, ovvero in quegli anni cruciali per la storia dell’arcipelago estremo-orientale nei quali si riavviarono i contatti con il resto del mondo dopo oltre due secoli di quasi totale isolamento. L’argomento di questa mostra ha, negli ultimi anni, attratto l’interesse di alcuni studiosi, italiani per lo più, come il citato Fagioli e Rossella Menegazzo. Il primo ha  inserito alcune di queste fotografie d’epoca nel percorso della mostra “Monet. Il tempo delle ninfee“, tenutasi nel Palazzo Reale di Milano nel 2009. La seconda ha invece avuto modo di esprimere le proprie opinioni sul tema in occasione della mostra dedicata a Hiroshige, svoltasi presso il Museo del Corso di Roma nel 2009: oltre ad un saggio nel catalogo, alcune fotografie giapponesi della fine dell’Ottocento occupavano un ambiente della mostra, riuscendo così a spiegare al pubblico quanto sia stato stretto il legame tra la stampa artistica e la fotografia nel Giappone del tardo periodo Edo (1615-1868) e del periodo Meiji (1868-1912). Non deve stupire che proprio gli studiosi italiani abbiano dedicato a questo argomento tempo e impegno. Alcuni dei fotografi attivi in Giappone sullo scorcio del XIX secolo, infatti, erano proprio italiani, trasferitisi in Giappone per intraprendere un’attività artistica in un paese lontanissimo, quasi sconosciuto ma dall’enorme potenziale commerciale. Il più noto di questi fotografi ‘italiani’ attivi in Giappone è senz’altro Felice Beato (1833 circa-1907), che fu in Giappone tra il 1863 e il 1884, dopo un più breve periodo trascorso in Cina dove pure ebbe modo di realizzare numerosi scatti fotografici. In realtà italiano solo per parte di madre poichè il padre era cittadino britannico, Felice Beato ha fermato con le sue immagini un mondo che – travolto dall’inarrestabile cammino del progresso – era sulla strada della scomparsa. Le sue straordinarie fotografie all’albumina, ravvivate artisticamente da una coloritura a mano, hanno quella “Ineffabile perfezione” (così il titolo, suggestivo, della mostra di Lugano) che ancora oggi riesce ad appassionare. Così come quelle altre, numerosissime, esposte nella cittadina svizzera, realizzate da quei fotografi giapponesi che, apprese rapidamente le tecniche dagli occidentali, sperimentarono l’altissimo potenziale della fotografia artistica.

Una delle fotografie all'albumina dipinte in mostra a Lugano

Credo che ancora oggi sia diffuso tra gli occidentali lo stereotipo del turista giapponese sempre in giro con l’immancabile macchina fotografica al collo, pronto per lo scatto-ricordo. Ho sempre pensato che questa combinazione giapponese-fotografia fosse il risultato, non solo di una certa passione di quel popolo per la tecnologia (ambito in cui primeggiavano indiscutibilmente fino a non molti anni fa), ma anche della capacità che la fotografia ha di rimepire alcuni ‘vuoti’ di scambio interpersonale. Mi spiego meglio. Forse molti di voi avranno notato che proprio i giapponesi sono tra i turisti che meno riescono a creare rapporti con la gente del paese in cui si recano. Noi italiani, ad esempio (luogo comune duro a soccombere…), sembra che, proprio al contrario dei giapponesi, abbiamo quella inimitabile capacità di comunicare con tutti nel mondo, nonostante possiamo non conoscere le lingue straniere. Si dice anche che noi, con il nostro linguaggio delle mani, la nostra gestualità a volte esasperata e l’espressione corporea e del viso, riusciamo a farci capire, ovunque. I giapponesi, questa ipotetica dote sembra non l’abbiano, ed in parte ciò è vero, l’ho notato anch’io. A me, ad esempio, è successo davvero rarissimamente che un turista giapponese mi fermasse per strada e chiedesse un’informazione: per questo, credo, i giapponesi organizzano nei minimissimi dettagli le loro trasferte all’estero, scegliendo per lo più di avere un accompagnatore che parli la loro lingua. Anche per questo, ho sempre creduto, i giapponesi, hanno un rapporto prediletto con la fotografia, grazie alla quale, quindi, riescono a supplire quella carenza di comunicazione con gli ‘stranieri’ ospitanti, riempiendo con secchiate di immagini quello spazio di memoria che si legherà all’esperienza del viaggio in Occidente, altrimenti povero di esperienze dirette, da persona a persona.

Una fotografia di Nobuyoshi Araki

Uno che della fotografia ha fatto il proprio occhio è senz’altro Nobuyoshi Araki, artista al quale la città di Lugano ha dedicato la terza mostra in programma nell’ambito di Nippon Lugano. Nato nel 1940, Araki è senz’altro uno dei fotografi più conosciuti al mondo. Celebri sono soprattutto le sue immagini di nudi femminili: non una bellezza muliebre classica, bensì il fascino della donna in quanto tale, l’erotismo che emana. Per questo la scelta di Araki si lega anche alla contemporanea mostra sulle shunga. Confesso che trovo molto eccitante l’erotismo di Araki, così come ho ammirazione per i suoi macroscatti di fiori. Ebbi l’occasione qualche anno fa di vedere una sua mostra presso il Museo Pecci di Prato e ne fui molto colpito. Ricordo ancora la quantità inverosimile di istantanee Kodak che decise di esporre, ad inondare metri e metri quadrati di pannelli espositivi. Ebbi la netta sensazione che quel simpatico signore nel corso delle giornate non facesse nient’altro che fotografare, senza tregua, quasi sostituendo il suo occhio con l’obbiettivo, altrimenti non riuscivo a spiegarmi come potesse fare a produrre una tale quantità di scatti. Già da allora notai lo strettissimo legame che Araki ha con la tradizione del proprio paese, ed in particolare con la cultura popolare del periodo Edo e dell’Ukiyo-e, non solo per la scelta dei soggetti (le donne, per l’appunto, i fiori, i gatti, la città), ma anche per quella capacità di creare immagini rarefatte, dalle linee precise, dai netti contrasti cromatici, evocative eppure ben salde nel momento presente.

Jiro Yoshihara, Senza titolo, 1962, in mostra a Lugano

La quarta mostra che si potrà visitare a Lugano è, infine, dedicata alla pittura Gutai. Così di definisce un gruppo di artisti attivi negli anni Cinquanta del Novecento, la cui opera fu talmente innovativa da attrarre l’attenzione dell’intero mondo artistico e, in particolare, di Michel Tapié, il famoso critico francese (ora che ci penso, fisicamente Tapié mi ricorda in maniera straordinaria il “critico” di “Ratatouille”, il film d’animazione…), che promosse nel mondo l’opera di questi eccentrici artisti giapponesi. Fondato da Jiro Yoshihara, il gruppo Gutai scardinò con l’esuberanza delle proprie performances all’aperto e con la propria pittura ‘astratta’ e ‘informale’, alcuni paradigmi artistici, con la provocazione di happenings nei quali il corpo aveva primaria importanza e con stesure di pigmenti di forte impatto sia visivo sia emotivo. Lo stile e le opere degli artisti Gutai ebbero non poca influenza sulle avanguardie internazionali dell’immediato Secondo Dopoguerra. A Roma, ormai quasi trent’anni fa, fu organizzata una esposizione sul movimento Gutai. Ora è possibile di nuovo ammirare le loro opere nella vicinissima cittadina svizzera.

Francesco Morena

Francesco Morena

Francesco Morena è specialista riconosciuto internazionalmente di arte estremo-orientale. Ha all’attivo collaborazioni con i più prestigiosi musei di arte asiatica del mondo, alcuni dei quali frequentati grazie all’assegnazione di specifiche borse di studio, e ha collaborato come esperto con alcune case d’aste, redigendo cataloghi per vendite che hanno ottenuto importanti risultati economici. 

You Might Also Liked

(Italiano) Leone Nani. Il dono (Italiano) Una Soffitta piena di tesori Un capolavoro di Kuniyoshi Toyohara Kunichika I due orientalismi di Galileo Chini Arte giapponese in asta a New York presso Bonham’s L’arte giapponese non è morta! Disperdere per ricreare. La collezione di Robert Hatfield Ellsworth in asta a New York
Leave a Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

 

OrientArt offre servizi di consulenza per lo studio dell’autenticità delle opere d’arte sia antiche sia contemporanee, garantendo professionalità nella loro valutazione economica e riservatezza nell’intermediazione per l’acquisto e la vendita.

I NOSTRI SERVIZI DI EXPERTISE

Language:

Archives